Torna ai progetti

Restaurare la carta: pensavate riguardasse solo i libri? Claudia ci spiega di no, ecco perchè…

Claudia Garofalo, borsista  che sta svolgendo un tirocinio presso il Centro Conservazione e Restauro “La Venaria Reale” dove sta perfezionando la sua formazione di restauro dei manufatti cartacei. Ecco la sua esperienza con un abito, interamente realizzato in carta.

«Qui stiamo eseguendo il restauro conservativo eseguito per l’opera “La Corte di Carta”, tredici abiti di carta realizzati dall’artista Isabelle de Borchgrave, in esposizione permanente all’interno della Reggia di Venaria, sullo scalone d’entrata della Cappella di Sant’Uberto. 

L’intervento ha previsto la depolveratura e la rimozione dei depositi superficiali presenti utilizzando il microaspiratore, e la pulitura a secco con gomme. Queste operazioni sono state eseguite sull’intera superficie degli abiti e dei manichini. Quindi sono state eseguite le operazioni di risarcimento delle lacerazioni presenti sulla carta degli abiti, utilizzando colla d’amido e carta giapponese»

Gran parte dell’eccellenza del Made in Italy passa anche da qui!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *